lunedì 20 gennaio 2014

Ma che vita di m...anager!

Vi presento un libro molto interessante che vi consiglio:


Il titolo del libro lascia intuire che il taglio che l’autore - per lunghi anni direttore del personale e poi generale d’importanti aziende - ha voluto dargli è quello di un testo leggibile e gradevole e non di un trattato scientifico.

Però, attenzione! Il testo è leggero solo nella forma colloquiale e nella suddivisione in brevi capitoli, ma non certo nella sostanza.

Come dice la professoressa Ivetta Ivaldi nella prefazione, “il linguaggio più emotivo che formale” può “coinvolgere il lettore anche meglio di un saggio di organizzazione…”.

Il tema ricorrente del libro è, infatti, la sostanziale arretratezza del sistema di gestione del personale in gran parte delle aziende italiane, specie se "padronali". Del resto, per chi voglia rifletterci, la crisi che investe il Paese è forse solo determinata dal collasso della politica e delle istituzioni, oppure coinvolge tutti i settori, compreso il mondo delle imprese?

A tale proposito questo libro invita a considerare che l’efficienza delle imprese dipende anche dalla soddisfazione umana e professionale di chi ci lavora dentro.

E così, tra orari inutilmente prolungati, controlli asfissianti da fare e da subire, condizionamenti e ricatti, la vita nei luoghi di lavoro non è tra le più piacevoli, a scapito proprio della produttività.
 
Una via d’uscita potrebbe essere un sistema di Cogestione alla tedesca, dove al fattore lavoro viene riservato un ruolo centrale di controllo e “moralizzazione” dei comportamenti della proprietà e del management.
O, altrimenti, se in Italia quel sistema fosse troppo “indigesto” per gli imprenditori, data l’esigenza di trasparenza che porta con sé, almeno si adotti un sistema basato sul rispetto della persona, in modo che il mondo degli affetti e quello del lavoro non debbano per forza confliggere.
Al realizzarsi di questa possibilità è legato proprio il recupero di efficienza che, nelle nostre imprese, sembra oggi così difficile!
 
 

Nessun commento:

Posta un commento