martedì 17 gennaio 2012

Tutti a bordo (in)sicurezza




No, scusate.
Il comandante della nave che si è inabissata a riva del Giglio si è dimostrato, stando a quello che ci dicono e propinano, inaffidabile, pusillanime, meschino.
Ma io dico: la Costa che, come il nome declama, si fa pagare fior di palanche per farci fare i suoi giretti, come cacchio ha fatto a nominare comandante di una nave che può ospitare migliaia di persone, un elemento simile? Con quali criteri fanno carriera?
E' sempre la solita storia di chi sta in alto.
Schettino sarà un pessimo marinaio, ma l'armatore non è migliore di lui.

lunedì 16 gennaio 2012

Er bibbitaro



Qualcuno mi deve spiegare perchè, in un servizio ferroviario come quello di noaltri nel quale i sedili sono sporchi, strappati, i bagni sembrano latrine di un carcere del terzo mondo e i ritardi sono all'ordine del giorno, io ci debba trovare un tizio che manovra all'indietro un carrello con bibite e biscotti e che manco ci passa attraverso l'angusto corridoio quando è libero, figuriamoci quando è invaso, e ci vuol poco, di bagagli che non hanno trovato capienza nella rastrelliera.
Chè sono preoccupati che non ci alimentiamo? Che moriamo di sete?
Guardi, signore dei treni, che a noi basterebbe un pò di decenza dove ci sediamo (carrozza e toilet) e un briciolo di puntualità. Alla girella rinunciamo volentieri, stia tranquillo.


Perchè vogliamo a tutti i costi renderci ridicoli?
Ditelo a Pitunpina vostra.

mercoledì 11 gennaio 2012

Vaca putanga


Oggi ho fatto un elenco degli Splinderiani che mi hanno mandato le coordinate dei loro nuovi blog.
Stavo scrivendo con la penna nera, ma di fianco ne avevo una blu.
Ad un certo punto - non che fosse importante - la mia mano è andata su quella blu ed ho scritto il nome di un blogger. Uomo.
Ho riso e vi spiego perchè: conosco una persona che si fa venire le crisi per ogni insignificante cambiamento del suo uomo, che lo tiene per le palle e gli controlla qualsiasi cosa sul lavoro e non.
Il poveretto in questione è braccato, non tanto da lei, quanto dalla sua incapacità di liberarsi di lei, che scambia questo attaccamento per AMORE.
Ecco, una così, avrebbe visto come la prova di un tradimento il fatto che un nome, femminile in questo caso, fosse scritto con un colore diverso dagli altri.

Adesso che ci penso  c'è poco da ridere. La cosa è inquietante

martedì 10 gennaio 2012

Shatush! (Grazie, sono raffreddata)



Mi sono innamorata letteralmente del colore dei capelli di alcune star e starlette, tra cui la Marcegaglia (eheh).
Pare che trattasi di una "tecnica" che i parrucchieri spacciano col nome di shatush o ombre hair per cifre astronomiche e che altri non è che un pò di tinta spalmata in modo diverso per dare un effetto naturale, tipo capelli schiariti dal sole (dopo 6 mesi di mare... se ve lo potete permettere, evitate la tinta).

Bene: io l'ho fatta a casa, da sola, in mezz'ora, con un risultato strepitoso ed al costo di 4 euro. Su YouTube ci sono decine di tutorial in tutte le lingue.

La crisi serve anche a non farsi più turlupinare.

domenica 8 gennaio 2012

Okay

Si riparte.
Anno nuovo. Lascio indietro troppe persone inutili e troppo male.
Che vadano a quel paese. Io sono di più.
Non trovavo propositi per il 2012. Dicevo che erano cazzate.
Invece, eccolo: ciao a te, a te, a te.
Passi indietro, no.
Gente ignorante che cerca di tirarmi indietro invece che farmi progredire, no no.
Li lascio a rotolarsi nella loro porcilaia privata fatta di meschinità. Io vado avanti.

Sono tornata. Do un'occhiata fuori dal finestrino del treno e vi dico.