venerdì 15 aprile 2011

Il tuo nome scintillerà


"Restiamo umani è l'adagio con cui firmavo i miei pezzi per il manifesto e per il blog ed è un invito a ricordarsi della natura dell'uomo, io non credo nei confini nelle barriere, nelle bandiere.Credo che apparteniamo tutti, indipendentemente dalle latitudini e dalle longitudini, alla stessa famiglia che è la famiglia umana".
(Vittorio Arrigoni)


vic_11_672-458_resize

12 commenti:

  1. Bella famiglia...

    un abbraccio, buon uicchend Pit

    RispondiElimina
  2. E' la dimostrazione che non basta essere delle brave persone, far del bene, per essere riconosciuti.

    Ucciso da coloro che era andato ad aiutare. Un santo laico

    RispondiElimina
  3. Non lo conoscevo ,ma stamani appena letta la notizia ,ho come sentito un pugno in petto,non ho altre parole per esprimere il mio dispiacere !!!

    RispondiElimina
  4. in faccia ai maligni e ai superbi......

    che strazio!!

    RispondiElimina
  5. di questi tempi se lo ricordano davvero in pochi

    ps il post precedente è bellissimo

    RispondiElimina
  6. Pit, non ti facevo così sensibile alle tematiche sociali non facete!

    RispondiElimina
  7. Che emozione leggere le parole del Giovane, cara Sabrina...
     
     E che tristezza sapere che Vittorio, animato da uno spirito pacifico e altruista, abbia incontrato quei pazzi che L'hanno ammazzato!
     
     I Palestinesi sono tutti addolorati per quanto Gli è successo ed ho sentito un'intervista fatta a Chiara, una collega di Vittorio in Palestina che diceva GIUSTAMENTE: <sono dei folli quelli che hanno compiuto quel gesto su Vittorio, FOLLI COME SE NE INCONTRANO OVUNQUE!
     
     E SPOSANDO APPIENO QUESTE PAROLE  continuo a dire con il Giovane deceduto:
                                                 RESTIAMO UMANI!
                
      
     Buon fine settimana, carissima, un sorriso e ciaooooooooooooo
     Angela

    RispondiElimina
  8. Buon inizio di settimana carissima amica

    RispondiElimina
  9. Posto che dei morti si deve dire solo bene, posto che chi sacrifica la propria vita per una causa merita il più grande rispetto, ma l'avete letto il suo blog?

    Io non condivido per nulla le sue posizioni.

    http://guerrillaradio.iobloggo.com/

    RispondiElimina
  10. Io invece condividevo tutte le sue posizioni, persino quella di morire per quello in cui credeva.

    Quando saprai che sono morto di sillabe strane.
    Pronuncia fiore, ape, lacrima, pane, tempesta.

    [Ernesto Chevara-El Che]

    Fiore, ape, lacrima, pane, tempesta.

    RispondiElimina