sabato 26 febbraio 2011

Un bosco misterioso


Urge vostro parere sul sequel scritto da me e che troverete in basso del seguente video:

http://www.youtube.com/watch?v=IPdoHEUrn44


 



faggio2




 L’incantesimo sta per scadere. Anche se non lo sapessimo, perché tramandatoci dai racconti che rotolano dalle bocche sdentate dei nonni nelle piazze che indicano l’inverno 2010 come termine ultimo per la riconversione del faggio in condottiero, basterebbe recarsi in quella zona per avvertirlo.
Provate. Se ne avete il coraggio, certo. Posizionatevi appena sotto l’albero, avverrà tutto naturalmente. Sentirete, sotto di voi,  un tremore arrivare da… molto lontano. Giù, giù. Dapprima leggero, quasi piacevole, poi sempre più forte,  che vi scuoterà fino a farvi battere i denti.
Gli alberi che circondano il faggio cominceranno ad agitarsi ed i loro rami semi spogli, tesi verso il cielo in una muta supplica, oscilleranno. Se ancora vi è rimasta un po’di audacia, non muovetevi e chiudete gli occhi. I rami faranno un rumore secco, assordante, ma individuerete senz’altro il lamento sommesso delle anime in pena. Anime che anelano liberarsi per tornare a fare quello a cui sono state destinate: seminare morte.
La leggenda narra, infatti, che quando il sortilegio sarà terminato, vale a dire tra poche settimane, gli alberi diverranno nuovamente guerrieri che avranno mantenuta intatta la loro sete di distruzione e rovina. Il comandante, che secoli fa si era pentito delle sue crudeli gesta, avvertirà la brama del suo esercito e sarà nuovamente un feroce dominatore, pronto a dare ai suoi uomini l’ordine di combattere senza risparmiarsi né fermarsi davanti a nulla pur di ottenre la vittoria.
Gli abitanti del paese sottostante hanno costantemente gli occhi puntati su quella collina . Alcuni riescono ad immaginare, in una penosa anticipazione, l’armata che, impazzita, corre giù per esigere quello che nei secoli è stato loro negato.


                                                                                                                                 S.S.


OLTRE AL PARERE, SECONDO VOI, LA LEGGENDA E' VERA?

27 commenti:

  1. Penso non sia vera, ma la leggenda è bellissima, cara Sabrina!

    Sono rientrata dal viaggetto in Toscana e voglio lasciarTi l'augurio che Tu trascorra una domenica assolata e gioiosa.
     

    Un abbraccio e ciaooooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
  2. Presumo che la leggenda sia vera come tutte le leggende!! Ma non credo proprio che ci sia un'orda di guerrieri pronta a uscire fuori. Però è una bella storia, mi è piaciuta molto.

    RispondiElimina
  3. la leggenda è vera, per questo piantare subito vicino al faggio begonia "la trasfigurazione della bellona" una ragazza molto procace che la leggenda vuole abbia chiesto a zeus di trasformarla in begonia per sfuggire alle attenzioni del premier.
    Il comandante si ridesta mi vede la bellona e automaticamente sfida a duello B. 
    W la natura
    ciao

    RispondiElimina
  4. Il racconto è scritto, come al solito, bene e scorrevole. Evocativa la chiusa, una specie di cavalcata dei cavalieri dell'Apocalisse giù per la collina.

    Per quanto riguarda la leggenda, beh, sorrido. In effetti temo molto di più il cattivo che rapisce ed uccide le ragazzine fuori dalle palestre, che un faggio con i rami che gemono al vento.....

    RispondiElimina
  5. son ripassato per proporre maxi barbecue con legno del faggio, se arriva il comandante incazzato gli si dà una braciola e  un peroncino ghiacciato.  Fare la guerra con una braciola in bocca non trova precedenti nella storia degli assassini passati per eroi da annibale barca che ha attaccato roma perchè il senato non gli permetteva di contrarre matrimonio con le capre a napoleone che ha fatto tutto quello che ha fatto per sembrare più alto...  

    RispondiElimina
  6. Ammappa che anatema.. dove si trova il faggio? ma soprattutto non bastava la gufata del 2012? Mannaggia eheh baciii

    RispondiElimina
  7. Ben scritta, avvincente, in grado di lasciare quel giusto grado di curiosità.

    E' vera? Nn saprei...in genere le leggende nn sono che quello, "leggende"... ma se proprio dev'essere, in quel di Brianza, ad oggi, ci sono due draghi e che vuoi che siano due draghi per un'intera armata impazzita?

    Buona serata Pit, baci :)

    RispondiElimina
  8. Mi è piaciuta sta leggenda...

    un sorriso Pit

    RispondiElimina
  9. Mettiamo che la leggenda sia vera...
    Ce li vedi tu dei guerrieri -quelli che, ovviamente, mentre erano ancora faggi non sono diventati nel frattempo traversine ferroviare, comodini o cassettoni di Mondo Convenienza o carta da fotocopia- che scendono a valle senza essere piallati da un treno merci o da una betoniera sulla statale?

    RispondiElimina
  10. E' ovvio che è vera. Tutti i boschi sono eserciti incantati. Un giorno si sveglieranno e faranno piazza pulita del tracotante genere umano. E la Natura vivrà felice e contenta.

    RispondiElimina
  11. Son qui ad augurarTi un ottimo prosieguo di questa settimana, cara Marilicia...



    Buon tutto, un sorriso e ciaooooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
  12. Pardon, Sabrina, ho avuto un lapsus e Ti ho chiamato col nome di un'altra Amica del web, Marilicia...

    Eppure sapevo di scrivere a Te!!!
    Urka gli anni incombono e le gaffes aumentano...

    Ancora scusami, ciaooooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
  13. Io mi offro volontario per accamparmi sotto il faggio ad aspettare il ritorno del condottiero a condizione che Pit mi faccia compagnia, nell'attesa naturalmente :))

    RispondiElimina
  14. Angela e Last: contenta che vi sia piaciuta.

    Diladelmare: Amara constatazione.

    Cuorenerissimo: mi ricordi certe attuali vicende.

    Pirata: ;))

    Missi: Già.

    Struzzo: un abbraccio.

    Gattosilver: ahahahaha!!

    Ffweblab: un pò catastrofico, ma ci starebbe.

    File: a proposito di...volevi dire muli??

    Angela: tranquilla che avevo capito. Un abbraccio!

    Rudomont: ma riesci a pensare a qualcosa d'altro oltre a stare sotto gli alberi?

    RispondiElimina
  15. il comandante ha aperto un'azienda specializzata in cerini di faggio, è un miliardario è ha aperta una catena di ristoranti sulla costa azzurra, sta alimentando questa leggenda per paura di invidie dei suoi ex paesani, un po' briatore un po' leone di lernia
    vabbè ti volevo salutare
    ciaoooooo 

    RispondiElimina
  16. posso cavarmela con un urlatissimo... aiutoooooooooooo!

    RispondiElimina
  17. Ho pensieri come torrenti in piena
    e luoghi vicini alla notte.
    Vorrei solo il mio bosco,
    forse un miraggio
    da seguire come un airone
    nel suo specchio d'acqua.

    RispondiElimina
  18. Buona notte, cara Sabrina, come mai non Ti si legge più nei blog?



    A presto, spero, ciaooooooooooo
    Angela

    RispondiElimina
  19. A volte ritornano.

    Gli "Ent" sono giunti.

    RispondiElimina
  20. bellissima storia... e spero che le leggende siano vere

    RispondiElimina
  21. La leggenda è vera ma è solo metà della leggenda...
    Q
    .

    RispondiElimina
  22. [Musica per l'equinozio...]

    RispondiElimina