mercoledì 5 maggio 2010

AI CONFINI CON LA REALTA'


Roba che neanche a Voyager.

Fino ad un paio di  mesi fa una mia ex collega mi mandava sms lacrimosi sul mio e suo licenziamento. Non le credevo perchè nel marciume in cui lavoravo correva voce che fosse una sguaiata e di facili costumi nonostante stesse incartapecorendosi.... ma forse, ora che ci penso, la pecora c'entrava sempre.


 




 



 




Tant'è. L'idillio si è rotto nel momento in cui le ho chiesto di fare fronte comune e di far valere i nostri diritti, soprattutto i suoi dato che, a differenza mia, essendo precaria, non aveva potuto nemmeno sfruttare l'anno di disoccupazione.
Ho contattato anche un'altra ex collega costretta al licenziamento dopo la maternità, che mi ha subito dato il suo appoggio incondizionato, mentre "pantaleta alborotada", in venezuelano "mutanda esagitata" mi risponde che è in Russia...
Va bene. Riprovo dopo un mese. Nessuna risposta.
Al che ieri, sono fatta così, mentre aspettavo di fare il 730 alla Camera del Lavoro, forse m'ha ispirato il posto, le ho ho mandato un sms in cui le dicevo che era un personaggio ambiguo e che aveva mancato un'occasione per riscattarsi. Passa un'ora e m'arriva questa risposta:

Mi scusi.... ma chi sta cercando? Sono Elena Romoli.....


 




 





Da premettere che la mia ex collega non si chiama così e che un numero di cellulare non viene passato in un mese ad un altro nominativo.
Non c'ho visto più. Ho chiamato: nessuna risposta. Dopo venti minuti chiama la fantomantica Elena Romoli.  Le ho vomitato addosso tutto il marcio che penso della mia ex collega per questo escamotage pietoso e per lei che le teneva bordone.


Adesso che sono in altri ambienti, so che si può lavorare in mezzo a gente diversa da quella da cui ero attorniata fino a meno di un anno fa.

E quando passo davanti al mio ex posto di lavoro, compatisco chi è ancora lì dentro. Anche se molti non meritano altro.

 






 

9 commenti:

  1. Hai fatto bene a vomitargli tutto pit...un bacione

    RispondiElimina
  2. Sbaglio se resto convinta che in certe faccende [se nn in tutte] il "riscatto" giunge solo se si è persone coraggiose? Il coraggio, a volte, bisogna saperselo cucire addosso.Buona fine settimana Pit, baci :)

    RispondiElimina
  3. a volte certe persone non meritano di essere prese in considerazione!!!questa esperienza  a te serve per farti le ossa, mi dispiace  che ti rovini il fegato per una persona del genere, so come  ti senti dopo, quindi se puoi evita!!!diceva un grande ; "non ti curar di loro, ma guarda e passa..."con stima ed affettoluigi giorgio

    RispondiElimina
  4. Che soggetto.. piuttosto che quell'sms faceva più bella figura a non rispondere.. il mondo del lavoro è un mondo un po' particolare.. anche se sono persone con le quali passi la maggior parte della giornata difficilmente le mescolo alla mia vita privata.. non li scegli come gli amici anche se, alle volte, incroci delle belle persone.. non è questo il caso di Elena Romoli ;-PCongratulazioni per l'evasione!! ^_^Un bacio e buon weekend

    RispondiElimina
  5. I luoghi di lavoro sono, talvolta, comparabili alle carceri. E' triste dirlo, ma si tratta di posti in cui gli esseri umani gioco-forza sono costretti ad essere "diversi" da quello che sono normalmente. Credo che la maggior parte dei miei colleghi non sia la "schifezza" che dimostra di essere dentro il "penitenziario".Non possiamo ottenere comprensione o "empatia" da persone che si devono guadagnare il pane dimostrando, tutti i santi giorni, di essere diverse da quello che sono.Sono dalla tua parte e hai la mia stima riguardo al tuo "coraggio", ma nel contempo devi essere più "mite" riguardo alla giustificata mancanza di "palle" da parte dei tuoi colleghi (ex).Anch'io sono passato tra le forche caudine diverse volte, e la disperazione di vivere una "non vita" mi ha spinto a "scappare" e andare a cercare un'altra realtà lavorativa. Ciao.

    RispondiElimina
  6. "Ognuno merita il regime che sopporta"Ahssì!

    RispondiElimina
  7. e se tu avessi digitato davvero che ne so un 7 al posto di un 8?

    RispondiElimina
  8. Alerina: non ho digitato, era il numero che aveva il cell  in memoria, non mi posso sbagliare. Allora poi....

    RispondiElimina