domenica 1 novembre 2009

Cin cin


 





Quando si parla di alcool dentro di me ho due reazioni consecuenziali: la prima,  riso convulso; la seconda,  di tipo omicida... tanto ammazzano un sacco di gente ogni anno con la scusa del bere bene, delle guide enologiche, di lucacheduemaroni, eccetera ecc.






Qualcuno deve spiegarmi cosa vuol dire "cultura del bere".
Malgioglio, erudiscici.
E spiega, a questo umile pubblico, cosa può raccontare una madre ad un bimbo di 15 mesi che ha un padre alcolista.
E non parliamo degli adolescenti. Zero dialogo a casa, zero informazione a scuola, conta solo Dante e Catullo chissenefrega, merce pronta che ai super costa pochi euro.

 



 


Certo, ognuno può frenarsi, ma guardate la pubblicità, guardate i film, le fiere, tutta l'aura che c'è dietro una volgare bottiglia di liquido merdoso.

Vi auguro il peggio.  



 

8 commenti:

  1. Grande Pit, quando posti col dente avvelenato!
    Paola

    RispondiElimina
  2. rieccomi:))))))))))))))) ti vedo punzecchiosa come sempre baci stef

    RispondiElimina
  3. Io sono astemio totale attualmente, ma in passato non disdegnavo il Prosecco..anzi!
    Il problema è che anche l'alcool è una droga ed è molto difficile limitarsi ad un bicchiere o due quando si è bevitori, con le coseguenze che ne derivano. :(
    Però conosco gente "virtuosa" che non beve per ubriacarsi, ma riesce a bere il giusto per degustare, ciao.

    ^Å^

    RispondiElimina
  4. Hai proprio ragione. Due mesi fa al mio paese è stat travcota e uccisa in pieno giorno una giovane mamma da un ubriaco. Come però ha detto qualcuno prima di me, è questione di misura, che con l' alcol non è sempre è facile mantenere.
    Leggendo i post di alcune ragazze, ho notato purtroppo che è in crescita anche fra le donne. Ciao, Pi.

    RispondiElimina
  5. Scusa il sacco di errori del commento precedente.

    RispondiElimina
  6. Oh, è una cosa che ha fatto sempre ridere anche me. Farsi le canne fa male, pippare coca fa malissimo, il vino invece fa bene.
    Ma tanto i giovani d'oggi non sono toccati dall'esposizione mediatica e infatti sono sia drogati che alcolisti.
    Io, sinceramente, non do loro torto.

    RispondiElimina
  7. A me un bicchiere di vino a tavola non dispiace. Ma rimane sempre uno e basta. Se poi è buono tanto meglio. L'alcol è stato pubblicizzato troppo a lungo come strumento di emancipazione e di svago. Anche la cultura "alternativa" (non si sa bene a cosa) ha contribuito, e purtroppo lo fa ancora.

    RispondiElimina