domenica 29 novembre 2009

Caro amico

Voglio rispondere al mio amico non virtuale, Giorgio, ed alla mia amica virtuale Paola. Entrambi mi hanno mandato un messaggio privato su Splinder.

Vorrei rispondere innanzi tutto a lui ed a tutti quelli che pensano che dicendomi di voltar pagina immediatamente mi fanno sentire meglio. Lo so, gliel'ho detto, le sue intenzioni sono ottime. Ma io ho una testa per pensare ed un cuore per sentire.

La mia testa dice che non ne vale la pena di guardare a ciò che è stato e mi sprona a guardare avanti. Io lo faccio ed in certi momenti riesco anche a ridere ed a fare la spiritosa con gli altri. Nessuno, se in quel momento mi guardasse da fuori, potrebbe mai capire cosa sto passando. Infatti il mio cuore dopo un pò protesta e mi fa vedere un oggetto con gli occhi del passato o ascoltare una frase con l'eco di un tempo finito.

Io non mi vergogno del mio dolore, so che passerà, forse prima di quanto io stessa immagini ed è per questo che mi sto impegnando in tante cose, ma adesso cosa ci guadagnerei a far finta di star bene e che nulla più mi tocca?
Come riescono certuni ad andare a divertirsi mentendo a se stessi? Dovessi trovarmi in una discoteca ora come ora la inonderei di lacrime. Mi sentirei sola tra tanti.

No, Giorgio, un pò mi conosci e sai che io voglio gli affetti veri vicino a me adesso. Ed anche i nuovi amici sono benevenuti. Ma devono rispettare i miei sentimenti ed i miei tempi. Non sono pronta per buttarmi tutto alle spalle.

Preferisco risposte come queste, che rasserenano e danno fiducia nel futuro:

"Vedi, forse lui ti aveva già dato segnali in passato, ma noi donne non vogliamo mai credere e ricacciamo indietro le incertezze.
Il mio giudizio non cambia. Era ed è una persona immatura. Mi dispiace molto per te che credo stia soffrendo di brutto.
Non so quanti anni tu abbia, ma penso siano sufficienti a rimanere alquanto delusi dalla vita.
Ti confiderò una cosa che può aiutarti . Hai due figli; in questo momento forse per te passano in secondo piano ed è abbastanza comprensibile, ma appena potrai cerca di guardarli come una grazia del Cielo. Noi non sappiamo come sarà la nostra vita e tutto non avviene mai per caso.
Ora devi solo rialzarti, guardare avanti e peggio per lui che ti aveva e ti ha persa. Tu vali molto.
Un caro abbraccio a te e ai tuoi figli. Ti sono vicina.
Paola"


Dietro di me lascio un pezzo di vita e davanti a me ne scorgo un altro tutto da vivere. Con calma.

4 commenti:

  1. personalmente credo che nella maggior parte delle situazioni non sia possibile "voltare pagina immediatamente",

    Semplicemente si continua a vivere con un macigno sul cuore, che si alleggerisce poco a poco, sperando che presto sparisca.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Che questa settimana che inizia ti porti un pò di serenità. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Opto sempre per il "nn dare consigli", niente è peggio del dare un consiglio che nessuno ti ha chiesto.
    Capita però [azzardo...] che qualcuno si riconosca nella vicenda e voglia condividere quel che ha elaborato in base alle proprie esperienze, nn è sbagliato ma nn tiene conto del tempo, né della speranza, né del sentimento.

    Buona serata Pit :)

    RispondiElimina
  4. non so chi ti ha scritto le parole in corsivo...è la prima volta che capito qui...
    Le prendo e le faccio un po' mie,come se qualcuno le avesse scritte a me...
    Mi ritrovo sommersa da un mare di dolore e non so come uscirne.

    Un saluto sincero
    S.

    RispondiElimina