mercoledì 21 ottobre 2009

E.R. medici in prima linea e pazienti in ultima fila


 


Sapete onestamente dirmi perchè se prenoti una visita od esame a pagamento hai la prestazione già all'indomani e se vai tramite Usl, manco con l'urgenza riesci ad ottenerla in due o tre mesi?

Fermo restando che i soldi fanno gola a tutti, anche ai medici, nulla da dire, mi sono chiesta: i posti in libera professione e cioè a pagamento che non sono prenotati non potrebbero essere messi a disposizione di chi le vuoel mutuabili?

Che, chiediamo troppo?




5 commenti:

  1. Un medico dell'ospedale fa un certo numero di ore. Durante questo numero finito di ore riesce a fare un certo numero di visite.

    L'ospedale quindi prenota il numero di visite che il medico può fare ogni giorno; in generale - se si passa attraverso il canale non a pagamento - non si può scegliere il medico.

    Il numero di medici (e quindi di visite) disponibili è quindi fisso: quando non riesce a soddisfare le esigenze si crea una lista d'attesa.

    La lista d'attesa può essere abbattuta (a parte il ridurre il tempo della visita, non auspicabile) solo  aumentando il numero dei medici, o facendo lavorare il medico più ore. In un caso e nell'altro questo costa (non si può pretendere che il medico faccia gli straordinari gratis), e per questo non viene fatto.

    Al termine della sua attività lavorativa, e al di fuori dell'orario di lavoro, ai medici del servizio sanitario nazionale è consentito fare dell'attività libero professionale all'interno dell'ospedale, con tariffe calmierate e cedendo all'azienda una parte dell'onorario. Per queste visite a pagamento c'è per ovvi motivi meno richiesta, e per questo la lista d'attesa è brevissima.

    Si potrebbe senz'altro mettere a disposizione i posti in libera professione per le visite mutuabili, ma poi qualcuno dovrebbe pagare il medico per queste visite.

    RispondiElimina
  2. Secondo me è più utile conoscere una segretaria della ASL che un primario: può farti ottenere un appuntamento lampo grazie alla gestione dei file ospedalieri.
    Paola

    RispondiElimina
  3. In realtà non chiedi troppo, ma in un sistema sanitario come quello italiano la tua richiesta sembra provenire da Marte.
    Che fare?
    Innazitutto togliere ai partiti il potere dei nomina dei direttori generali delle Asl e contemporaneamente rafforzare le associazioni come il tribunale per i diritti del malato che possono contrastare la "malasanità".
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
  4. purtroppo siamo troppi per le visite, e dobbiamo aspettera il nostro turno...
    a pagamento lo stesso medico non fa attendere...
    :-)
    un abbraccio e
    serena serata!

    RispondiElimina