giovedì 3 settembre 2009

Lo strillone


 





ULTIME NOTIZIE SUL FRONTE MALGIOGLIESE



Allora.



L'ex collega trombata  dopo il rientro dalla maternità.



 





Malgioglio: No no, non ti preoccupare, non è il caso che rientri dato che ormai l'aria è cambiata e ci sarebbe dell'imbarazzo (certamente: le hanno chiesto di dimettersi - leggi post "Dice l'Imam..." del 26 agosto). Siamo in parola, non è necessario alcun accordo scritto.



Ben ben. Lei, ancora fiduciosa, ma io la capisco perchè le brave persone non immaginano neanche che gli altri possano essere così perfidi, la settimana scorsa non si presenta al lavoro, come da accordo verbale,  e contatta il consulente della categoria di appartenenza.



Dopo pochi giorni, tac, raccomandata nella quale le chiedono spiegazioni per il mancato rientro e la minacciano di licenziamento in tronco.



Lascio commentare voi. Questo avviene in pieno nord evoluto. Così dicono, almeno.



Cito qui di seguito un commento azzecatissimo sul mio post "Vid Omar....", di una mia carissima lettrice:



Sia questo che il post successivo parlano di nazisti. Quasi tutti sono convinti che il nazismo sia limitato al periodo storico della Germania di Hitler, invece sono pienamente convinta che il nazismo esista sotto varie forme, la prima delle quali, la più evidente, è quella aziendale. I direttori del personale e gli AD sono SS, spietati e privi di sentimenti umani, sono scelti proprio per la loro inumanità e il perfetto lavoro brutale che svolgono "per dovere" (esattamente come dicevano i nazi). Ci sono poi i nazisti delle relazioni umane, che si comportano in modo orrendo con le donne, complice il maschilismo della società italiana, che giustifica dalla maleducazione alla palese crudeltà verso il sesso femminile e quello omo, basti leggere la cronaca di questi giorni. Insomma, ti quoto in pieno!



Malgioglio e La Mutanda si sono laureati a Birkenau, secondo me.



6 commenti:

  1. Sì penso che la loro laurea la abbiano conseguita da quelle parti.

    Ammazza che infami!

    Un bacione

    RispondiElimina
  2. La disonestà nn ha colore, nn ha sesso, nn ha neanche un ruolo. Spesso l'azienda si trova in difficoltà, licenziare il dipendente può essere un azione obbligata. Responsabili, Capi Reparto e Direzione del Personale seguono il più delle volte la politica aziendale...nn mi è mai capitato di vedere chi ricopre questi ruoli brillare di luce propria all'interno di un azienda...si esegue un ordine, punto e basta.
    Ovviamente c'è modo e modo ma qui nn parliamo di un azienda in difficoltà mi par di capire...qui, se nn erro, qualcuno cerca di ripulire ed adeguare il personale già presente in azienda, concedendo a chi molto e a chi nulla. Ebbene ci sono gli strumenti per combattere sia il danno cagionato [il collega, il capo reparto] che l'inadempimento del contratto [il datore di lavoro] e ci sono gli strumenti per combattere il mobbing che, peraltro, da poco, l'INAIL riconosce come malattia professionale.
    Siamo abituati a rivolgerci ai nostri superiori con quella sorta di mesto rispetto e grato silenzio ereditato da chi prima di noi era stato abituato ad esser sempre grato e modesto.
    Nn è così
    Il lavoro si basa sul principio del do ut des.
    Il mio lavoro permette a te, titolare d'azienda, di crescere e tu permetti a me di vivere e maturare l'esperienza necessaria....uno nn sopravvive senza l'altro.
    Nn a caso si usano termini come "prestatore d'opera", "prestatore di lavoro", "datore di lavoro"...è appunto un prestito, presto la mia opera in cambio di un salario o uno stipendio ma nn divento proprietà del datore di lavoro.
    Impariamo a farci rispettare per ciò che facciamo ed impariamo a difenderci da chi crede di poterci mancare di rispetto impunemente.

    Alla tua collega, in bocca al lupo! :)

    Baci Pit, buona fine settimana :)

    RispondiElimina
  3. Saluti Pit,
    ti leggo sempre con stima.

    RispondiElimina
  4. Malgioglio è nazista, ma la tua collega è Alice nel Paese delle Meraviglie.

    RispondiElimina
  5. Quoto in toto il commento di missi.

    RispondiElimina