domenica 26 luglio 2009

La spesa pubblica

La spesa che più grava sui conti pubblici e che ha al suo attivo una voragine di miliardi è quella sanitaria.


Politici, persone: se non ci mettiamo in testa che così non va e che bisogna cambiare vita non arriveremo mai a niente.


La spesa sanitaria è destinata ad aumentare inesorabilmente perchè la gente sta male e sta male per la vita di merda che fa e che, spesso, s'impone di fare. Molti malanni, addirittura malattie gravi, dipendono dal nostro stile di vita, aggressivo, frettoloso, stressato, disumano, anaffettivo.


Non è bastata la crisi a farci capire che il mondo era basato su un consumismo sfrenato ed assurdo che non ha portato a nulla se non alla devastazione delle anime ed alla morte.


Se non la capiamo siamo proprio stupidi.


E' ORA DI AGIRE


10 commenti:

  1. Hai ragione..dobbiamo fare qualcosa per cambiare questo stato..
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Parole non sante, di piu'...

    p.s.: la bimba in questione è una amichetta di mio figlio piccolo che dopo due anni di lotta si è dovuta arrendere alla leucemia... Gli ero molto legato e spesso ne ho parlato di lei nel mio blog...

    Buon inizio di settimana Pit

    RispondiElimina
  3. come sempre i fattori di spesa sono tanti,ma penso che non sia perchè la gente sta male come dici tu. aumenta la spesa a causa delle industrie farmaceutiche , a causa dei ladroni che dirigono certe ASL, a causa del cattivo comportamento sanitario di molti di noi, a causa dei lacchezzi politici. La maggior parte dei soldi non serve a curare malati.

    RispondiElimina
  4. In parte hai ragione, ma il grosso dei mali della sanità italiana sono gli sprechi. La sanità è un grosso centro di potere, soprattutto nelle regioni meridionali, e la qualità non sempre segue l'ammontare della spesa.

    RispondiElimina
  5. Beh oddio... mi sa che sulla sanità ci magnano di brutto...

    RispondiElimina
  6. I costi della sanità sono alle stelle perchè le persone, come vacche sceme, sono state abituate da cinquant'anni a questa parte a ricorrere non dico al medico, ma alle medicine, un giorno sì e l'altro pure. I farmaci come li conosciamo noi vanno abbinati costantemente a un qualche tipo di "visita"... Ecco che il cerchio si chiude... Abbiamo accettato di essere organismi in perenne manutenzione ordinaria... Ma non è vita questa.

    Devo chiederti poi come mai parli al passato: "non è bastata la crisi"; "il mondo era basato"... Non abbiamo ancora visto nulla, dello scivolone che ci aspetta.

    RispondiElimina
  7. non ci crederai, ma presa dall' ansia e dalla sfilata non ho fatto delle foto mie, spero solo che il fotografo mi dia i files... prestoooooooooooooooooooo

    RispondiElimina