lunedì 22 giugno 2009

VOGLIO CAPIRE SE NE E' VALSA LA PENA

Sono una di parola.


Tempo fa vi dissi che vi avrei messo a parte di un progetto nel quale anche voi eravate in qualche maniera coinvolti.


Fino a  ieri tutte le volte che postavo mi ripromettevo di rivelarvi in cosa consisteva questo mio lavoro, ma desistevo perchè il mio intento è quello, lo sapete, di mantenere anonimo questo blog. E poi, sinceramente, ho pudore nel dirvelo.



Il motivo del mio anonimato non è, nella maniera più assoluta, la codardia. Sono una che si espone fin troppo nella vita di tutti i giorni, potete credermi. Il motivo è che qui io mi sfogo e dico VERAMENTE quello che penso. Se odio un capo, ad esempio, glielo dimostro con l'atteggiamento scontroso, ma non posso dirgli che vorrei crepasse. Purtroppo. Questo tacere mi causa dei malesseri non indifferenti ed allora l'unica è sfogarsi così. Ma il lavoro mi serve. Arripurtroppo.



Forse sono peggiore di quello che appaio, di quello che io stessa penso di me. Non è bello augurare la morte a qualcuno, non è cristiano, non è umano. A mia discolpa posso dire che vorrei che alcuni possano, come per magia, eclissarsi, non esistere più. Sono arrivata ad augurare loro di vincere al superenalotto, purchè vadano con la loro cacofonica musica da un'altra parte, magari su di un atollo sperduto e disabitato, così non fanno più danni.



... solo che... ora che ci penso... non rimarrebbero più atolli liberi al mondo e sarebbero affollatissimi, vi pare?


Ma veniamo a noi.


Io scrivo. Non solo su questo blog. Scrivo per un webzine e per un sito di ragazzi colti, sani ed agguerriti. Lo faccio per passione, ma il mestiere che mi dà da vivere è un altro. E lo odio.


Come diceva qualcuno: sono una scrittrice, è solo un dettaglio se faccio l'impiegata


In marzo ho finito di scrivere il mio primo romanzo che parla di donne e quindi anche di me. S'intitola come il blog ed alla fine ho ringraziato tutti voi, uno per uno. Questo perchè, assieme ad altre persone più "tangibili", mi avete dato spunti e forza per procedere e farcela.



Se, come accade alla maggior parte degli scrittori non noti, nessun editore vorrà pubblicarmi, tra qualche mese il mio manoscritto sarà scaricabile con un semplice click. Ma, ovviamente, mi auguro che dobbiate comprarlo se vorrete sapere i .... miei


Grazie, raga.



26 commenti:

  1. Di tutte le parole del mondo è quella che più amo, la più bella in assoluto...perché un "grazie" racchiude un pizzico di speranza raggiunta, un cammino appena iniziato e un sogno che vede il mattino.

    Grazie a te Pit, incrocio le dita :)

    RispondiElimina
  2. Di tutte le parole del mondo è quella che più amo, la più bella in assoluto...perché un "grazie" racchiude un pizzico di speranza raggiunta, un cammino appena iniziato e un sogno che vede il mattino.

    Grazie a te Pit, incrocio le dita :)

    RispondiElimina
  3. Pit....in culo alla balena, per la pubblicazione...e puoi contare su di me sull'acquisto immediato....
    Tienici informati!!!!

    RispondiElimina
  4. Pit....in culo alla balena, per la pubblicazione...e puoi contare su di me sull'acquisto immediato....
    Tienici informati!!!!

    RispondiElimina
  5. Sei grande!! Auguri per il tuo libro ;-)

    RispondiElimina
  6. Be' si', un po' scontrosetta sei... :)

    RispondiElimina
  7. Non mollare!
    prima o poi trovi un editore chi la pubblicherà,
    Augurissimo!
    e complimenti!
    un abbraccio e
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  8. Non mollare!
    prima o poi trovi un editore chi la pubblicherà,
    Augurissimo!
    e complimenti!
    un abbraccio e
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  9. Alla fine ..speriamo che il tuo manoscritto abbia successo... e chissà...magari lo compreremo anche... per quello che hai scritto...(capi, lavoro ) ascolta la canzone del buon vecchio Alberto Sordi a questo link: http://www.youtube.com/watch?v=VrOLHeO0M8g

    RispondiElimina
  10. Non ho mai accolto l'invito a scrivere: più volte mi è stato chiesto, mi è stato anche indicato un sito per "autoprodurmi" a tiratura limitata (cosa interessante dato che avrei avuto pochi lettori), ma appunto non ho scritto nè preparato nulla. Apprezzo, al contrario, chi come te si dà da fare e quindi ...augurissimi per la tua nuova professione.

    RispondiElimina
  11. Capellieparole: no, il porta a porta no (a parte che la tua idea è validissima, sai?), cis ono altri modi, se gli editori ti snobbassero, di provarci.

    Per gli altri: non voglio creare troppa aspettativa :-) scherzo! Guerra e Pace in confronto sarà una bazzeccola!

    RispondiElimina
  12. Capellieparole: no, il porta a porta no (a parte che la tua idea è validissima, sai?), cis ono altri modi, se gli editori ti snobbassero, di provarci.

    Per gli altri: non voglio creare troppa aspettativa :-) scherzo! Guerra e Pace in confronto sarà una bazzeccola!

    RispondiElimina
  13. Se vuoi una mano Ti passo qualche mio manoscritto :-)

    Buona giornata superPit

    RispondiElimina
  14. Se vuoi una mano Ti passo qualche mio manoscritto :-)

    Buona giornata superPit

    RispondiElimina
  15. Ma dai, non sei peggior di nessun altro :-) è normale fare come te ;-)

    Non ti preoccupare

    :-) Ciao!

    RispondiElimina
  16. Ma dai, non sei peggior di nessun altro :-) è normale fare come te ;-)

    Non ti preoccupare

    :-) Ciao!

    RispondiElimina
  17. Un grosso in bocca al lupo per il tuo libro!!!

    RispondiElimina
  18. Perché non provi ad autopubblicarlo?
    Vai sul sito www.ilmiolibro.com e segui le istruzioni oppure su www.lulu.com
    Ciao :-)

    RispondiElimina
  19. Perché non provi ad autopubblicarlo?
    Vai sul sito www.ilmiolibro.com e segui le istruzioni oppure su www.lulu.com
    Ciao :-)

    RispondiElimina
  20. Citavo i miei mini racconti in metro :-)

    un sorriso ancora

    RispondiElimina
  21. Citavo i miei mini racconti in metro :-)

    un sorriso ancora

    RispondiElimina
  22. Anche Kafka faceva l'impiegato, il che è tutto dire. Comunque io diffiderei meno degli editori, il problema è che arrivano montagne di manoscritti, posso garantirtelo perché ho lavorato in due case editrici ed era pazzesca la mole della roba in arrivo ogni giorno. Se il romanzo è buono e ha qualcosa di originale, un buon editor sa riconoscerlo. Bisogna vedere a chi lo hai mandato. Io ti consiglierei Sperling, Fanucci e Fazi. Ciao
    Paola

    RispondiElimina
  23. Anche Kafka faceva l'impiegato, il che è tutto dire. Comunque io diffiderei meno degli editori, il problema è che arrivano montagne di manoscritti, posso garantirtelo perché ho lavorato in due case editrici ed era pazzesca la mole della roba in arrivo ogni giorno. Se il romanzo è buono e ha qualcosa di originale, un buon editor sa riconoscerlo. Bisogna vedere a chi lo hai mandato. Io ti consiglierei Sperling, Fanucci e Fazi. Ciao
    Paola

    RispondiElimina
  24. Ma la ragazzetta bellina con i capelli lunghi lunghi sei Te?

    un sorriso superPit

    RispondiElimina
  25. Ma la ragazzetta bellina con i capelli lunghi lunghi sei Te?

    un sorriso superPit

    RispondiElimina