giovedì 25 giugno 2009

RECENSIONE

E mò vi devo tenere aggiornati sull'andazzo del mio GUERRA E PACE.


Vi tocca.



Una casa editrice che non sapevo fosse a pagamento, mi ha offerto 4.200 euro.Cos'avete capito? Li devo pagare io a loro per pubblicarmi.


Struzzo, finiscila di sganasciarti dalle risate! Beerbohm mò te meno!


AS FIDANKEN!


Capisco la vostra reazione:è come se andaste a lavorare e doveste pagare il vostro datore di lavoro per ciò che fate. Sì, lo so, ci sono certuni, i cosiddetti leccaculo senza vita privata, che lo farebbero. Ma mi baso sul fatto che siamo tra persone normali, che manco le pensano certe cose.



Nell'editoria siamo messi così. Vuoi pubblicare? Paga! Infatti esistono un sacco ed una sporta di società dette di PRINT ON DEMAND pronte a soddisfare la cattiva abitudine degli scrittori di voler essere pubblicati. 'Sti scostumati.


Devo ripetervi cos' ho risposto all'infelice che mi ha telefonato? No? Ottima scelta.


L'altro, che ha preteso solo l'acquisto di un libro illegibile, mi ha fatto tutta una bella premessa: si legge tutto d'un fiato,scorrevole, ben esposto, bla bla bla. Subito dopo: LEGNO! Ha messo molto l'accento sulla tematica che dice esausta dai tempi di Bridget Jones. Pace e bene.



Proprio l'altro giorno mi è capitato tra le mani.... e va bè, ho acquisto un libro dalla copertina accattivante. Tematica abbastanza vicina alla mia. Non vi dico la pena, Una donna separata con figlia alle prese con una storia di cui la trama è un pretesto. La figlia di lui s'affeziona ipso facto a lei ed alla di lei figlia e fa da tramite tra uno e l'altra. Metà cupido, metà ruffiana.


E comunque potreste anche andare a leggervi "Si vive una volta. Sola" di Geppi Cucciari. Io l'ho riportato indietro e m'è dispiaciuto perchè lei è molto brava come cabarettista.


Il mio potrebbe anche far schifo,  potrei essere la peggiore scrittrice, ma vi garantisco che non sono l'ultima  arrivata come lettrice.


Perchè l'hanno pubblicata? Io lo so.


Con questo cosa voglio dire?, dice Cevoli quando impersona l'assessore-.Voglio dire che accetto la mia bocciatura ma non comprendo la pubblicazione di quel libro, giudicato mediocre da tutti quelli che l'hanno acquistato.



Attendo fiduciosa il responso degli altri editori a cui l'ho spedito. E, intanto che aspetto, ne metto in cantiere un altro.


Tiè!



13 commenti:

  1. Bravissima Pit.....così si fa!!!! chi si ferma è perduto....

    RispondiElimina
  2. Non mollare Pit!

    E poi, perché non provi a darti al cabaret anche tu? Poi vedrai come ti pubblicano!

    RispondiElimina
  3. Non mollare Pit!

    E poi, perché non provi a darti al cabaret anche tu? Poi vedrai come ti pubblicano!

    RispondiElimina
  4. E soprattutto: in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  5. In bocca al lupo ;)

    Buona fine settimana Pit :)

    RispondiElimina
  6. In bocca al lupo ;)

    Buona fine settimana Pit :)

    RispondiElimina
  7. :-O ma sei una cabarettista per hobby?? Non ho capito...

    Cmq io conosco una casa editrice che non ti fa pagare per pubblicare... :P però al massimo te ne piazza 50 copie... ;-))

    RispondiElimina
  8. :-O ma sei una cabarettista per hobby?? Non ho capito...

    Cmq io conosco una casa editrice che non ti fa pagare per pubblicare... :P però al massimo te ne piazza 50 copie... ;-))

    RispondiElimina
  9. Ciao! Capito per caso su questo blog e in questo post ho trovato un'amarezza molto comune tra gli scrittori esordienti.
    Hai ragione quando rilevi, da lettrice, che si pubblica un sacco di pattume per motivi che nulla hanno a che fare con la qualità letteraria... però non confondere la tua competenza di lettrice con quella da scrittrice in erba. Continua per la tua strada, se ho letto bene sei ai tuoi primi lavori: è normale che non siano perfetti e che i risultati non arrivino immediatamente. Ti hanno detto bene, chi si ferma è perduto :-)
    Quindi vai avanti per la tua strada, sii criticissima come lettrice ma paziente e costante come scrittrice. :-) E tanti auguri!

    RispondiElimina
  10. Ciao! Capito per caso su questo blog e in questo post ho trovato un'amarezza molto comune tra gli scrittori esordienti.
    Hai ragione quando rilevi, da lettrice, che si pubblica un sacco di pattume per motivi che nulla hanno a che fare con la qualità letteraria... però non confondere la tua competenza di lettrice con quella da scrittrice in erba. Continua per la tua strada, se ho letto bene sei ai tuoi primi lavori: è normale che non siano perfetti e che i risultati non arrivino immediatamente. Ti hanno detto bene, chi si ferma è perduto :-)
    Quindi vai avanti per la tua strada, sii criticissima come lettrice ma paziente e costante come scrittrice. :-) E tanti auguri!

    RispondiElimina
  11. il problema del pagamento è superabile con degli "Sponsor" ...o qualcuno ceh crede in te.... O possiamo chiedere a "SALUMI ZAMPETTI" !!
    Questa è l'Italia...ma porco cane se rinasco faccio il POLITICO !!! E il libro te lo finanzio io con i fondi neri del partito :D

    RispondiElimina
  12. il problema del pagamento è superabile con degli "Sponsor" ...o qualcuno ceh crede in te.... O possiamo chiedere a "SALUMI ZAMPETTI" !!
    Questa è l'Italia...ma porco cane se rinasco faccio il POLITICO !!! E il libro te lo finanzio io con i fondi neri del partito :D

    RispondiElimina