venerdì 20 marzo 2009

RANDAGIO A CHI?



REMAKE


Io vi odio.


Odio quei comuni inutili che, oltre a perpetrare tutte le bassezze che ogni comune italiano che si rispetti perpetra, non si occupa degli animali.


Soprattutto dei cani randagi. poi, quando capita la disgrazia, com'è accaduta a quel bimbo siciliano sbranato dai cani, quegli inetti del tg non fanno altro che spacciare i cani come dei serial killer e mostrano filmati crudi su come li accalappiano.


Su Libero fioccano le immagini dei cani mentre ringhiano con espressione minacciosa.



I cani sono animali, siamo noi che dobbiamo educarli, gestirli!! Se  azzannano una persona, non possiamo prendercela con loro, ma col padrone, se ce l'hanno, o con il comune, se sono dei vagabondi.



Inutile gridare al mostro! Io stessa ho visto interi branchi di randagi in Sicilia e Puglia, malnutriti, malati, sporchi. Un cane così, al pari di uno che viene allevato a botte e violenza, è un potenziale pericolo per i passanti. Ma, ripeto, loro seguono solo la loro natura di animali, siamo noi a dovercene occupare ed a far sì che nessun cane debba MAI trovarsi in situazioni del genere o di essere maltrattato.


COMUNI D'ITALIA: se chi vi sta a capo non capisce un'acca di animali e non ha amore per cani, gatti, ecc. chiedete a gran voce che ci sia una minchia di assessore che possa nutrire un minimo d'interesse per queste tematiche e che abbia un briciolo di pietà per questi cosiddetti randagi.


Chiedete a gran voce che i vigili urbani, anzichè fare sempre multe su infrazioni che loro per primi infrangono, aiutino a debellare ogni forma di violenza sugli animali.


Nell'interesse di tutti.

11 commenti:

  1. Io me la piglio con chi li abbandona... Inasprire le pene per questi vigliacchi...

    Ciao superPit, fai un bel uicchend

    RispondiElimina
  2. Un altro esempio della cronica inefficienza delle istituzioni locali e soprattutto di quelle meridionali. Ma d'altra parte è gente che votiamo noi!

    RispondiElimina
  3. Nn entro nel merito perché immagino quale e quanto dolore si possa provare per la morte di un figlio...ritengo di nn essere in grado di valutare ma ripenso anche a quanto odio si prova per un uomo che uccide e quante e quali pene saremmo tutti disposti a dare.

    D'accordo con tutto il resto, la civiltà presuppone un impegno costante ed un'attenzione efficace.

    Buona giornata Pit :)

    RispondiElimina
  4. Cara amica,
    devo dirti, per esperianza personale, che i cani randagi costituiscono un serio pericolo.
    Sai che amo la montagna.
    Devo dirti che nelle mie escursioni mi sono imbattuto con ogni tipo di animale, persino l'orso ed il lupo.
    Ebbene tutti, dico tutti, alla vista dell'uomo sono fuggiti.
    Non è stato così quando mi sono imbattuto, insieme ad altri amici, con un branco di cani randagi.
    Ci hanno attaccato più volte fino ad immobilizzarci contro una roccia per oltre un'ora.
    Ne siamo usciti solo perchè prendendo il coraggio a due mani ci lanciammo lanciando pietre, urlando ed agitando i bastoncini contro quelli che ci erano sembrati i capo-branco.
    Fu una esperienza scioccante che ci ha segnati.
    Da allora portiamo con noi delle miccette che esplodendo li metono in fuga.
    Il randagismo è un problema serio ed andrebbe affrontato con serietà.
    Esiste già una normativa al riguardo che attribuisce la competenza ai comuni, ma come al solito non i fondi che occorrono.
    La normativa andrebbe aggiornata e finanziata: non escluderei forti sanzioni economiche per chi abbandona i cani.
    Se sono stato pedante, scusami!

    RispondiElimina
  5. Pit...condivido le tue parole, ed ho anche litigato su questo argomento, alcuni giorni fa, con un amico che sotenva che i cani in questino debbano essere abbattuti senza pietà...la colpa non è la loro, che seguono un istinto di sopravvivenza, le immagini dello pseudo custode e di come teneva la cascina, mi hanno fatto rabbrividire. ora il mio pensiero va al povero bimbo morto e a tutte le persone aggredite, da un branco di cani denutriti e trattati come bestie...
    P.S. grazie per il consenso sul test, l'ho appena copiato...Kisss

    RispondiElimina
  6. Io so solo che il nostro paese vive di emergenze:

    Prima le stragi del sabato sera... ma è cambiato qualcosa o si schiantano come prima e nessuno dice + nulla?

    Poi gli sbarchi di albanesi, poi i sassi dal cavalcavia,poi i fannulloni, poi gli stupri, ora i cani randagi (3 notizie di persone sbranate in due giorni mi suonano strane)

    Basta, affrontiamo i problemi con serenità invece di lasciarli sedimentare e poi lanciarci in crociate ogni volta!

    RispondiElimina
  7. I cani fanno il loro mestiere. Siamo noi che facciamo il loro.
    Il bambino sbranato o la turista aggredita meritano tutta la mia comprensione, come anche tu ed i tuoi amici, Breddy, ma la colpa è di chi abbandona, come ha giustamente detto Struzzo, e degli amministratori locali che non se ne occupano. Quelle emerite teste di cazzo.
    In questi ccasi, è molto facile sbattere il mostro in prima pagina e far sì che i veri colpevoli la facciano franca. Il mostro è il cane, secondo molti imbecilli idioti cretini che se li piglio....

    Non parliamo poi di quelli che li maltrattano ed istigano alla violenza. Io li chiuderei in gabbia per due mesi con tre gorilla come dico io... sai te...

    RispondiElimina
  8. Anche io credo che le responsabilità vere sono delle autorità competenti, come spesso si dice, che invece si rivelano incompetenti e comunque disinteressate.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. ...purtroppo a quello non si pensa, si ostinano a credere che solo perché è randagio, debba essere trattato come tale.
    E chi ha la vera colpa, resta sempre impunito.

    Buon weekend

    RispondiElimina
  10. Le leggi ci sono, basterebbe applicarle per evitare il peggio.

    RispondiElimina