domenica 1 marzo 2009

Licenziata in tronco

Ennesimo caso di mobbing sul lavoro.


Antipatia tra colleghe. Una ha la bocca storta, ma Benny sopporta con stoicismo le sue smorfie irritanti e la sua boria, forse causa della deviazione labiale. Non è improbabile che la deviazione abbia interessato anche il culo, sapete, a furia di stringerlo.



L'altra, una PDL, palla di lardo,  che si spaccia per amica, che fa favori anche non richiesti. Che  fa delle confidenze non richieste, storia di donna cornuta e bistrata, evidentissima. La milionesima cogliona che racconta le sue stronzate per sentirsi dire "ma no, tuo marito non ti tradisce, è solo in crisi mistica".



Tutto questo condito da frecciate, battute, umiliazioni verso la Benny che, sotto sotto, invidiano. Da morire.


Un bel giorno, all'enesima vessazione, Benny si ribella e dice alla palla di lardo che è un'infelice. Direi che più che altro la informa.


Passano i giorni, pare che la cosa sia finita lì. Invece. Ore 9,30, Benny arriva al lavoro. Ore 11,00 è licenziata. In tronco, senza darle la possibilità di spiegarsi, di dire la sua. Ha un contratto a progetto, una trappola lavorativa priva di diritti.


Bocca storta e palla di lardo se la godono. Il capo reparto è rientrato in tutta fretta dalle ferie per gustarsi la scena.


A buttarla fuori in malo modo, come fosse una ladra, è il capo del personale, donna frustratissima, brutta, megera, ignorante, non  adatta al suo ruolo. Una di quelle che fanno seccare i maroni di un toro, per intenderci.



Il direttore generale che interviene a darle man forte e che scomoda il deretano dalla sua poltrona mega galattica  per sbatterfe fuori Benny, è un mediocre che, come tutti i mediocri, ha fatto strada. Almeno nel lavoro (vedasi mio post al riguardo intitolato, appunto, mediocri).



Luogo di lavoro interessato: un megastore di elettrodomestici, telefonia, pc.


Motivazione del licenziamento: ha dato dell'infelice ad una collega.


Proseguo:


1) denuncia alla Camera del Lavoro, la quale può solo pretendere il preavviso di 30 giorni non goduto all'agenzia che l'aveva in forza e che la "prestava" al punto vendita.


2) possibile causa civile verso la palla di lardo.


Il megastore ne esce pulito come un neonato.


W l'Italia.


 

27 commenti:

  1. Che schifo...

    p.s.: purtroppo non è la donna che ho sposato :-)

    RispondiElimina
  2. Che brutta cosa il mobbing...spero di non capitarci mai :-(

    RispondiElimina
  3. povera Benny!
    non la meritavano!
    un abbraccio e
    serena domenica!

    RispondiElimina
  4. Eh sì...W l'Italia! E W la meritocrazia! Ora, perso per perso, tanto vale tornare indietro e dare a PdL quel che merita. La prossima volta PdL ci penserà due volte.


    Nonostante tutto, buona giornata Pitunpi :)

    RispondiElimina
  5. Ciao Pitunpi
    non hai modo di rivalerti? mi pare davvero ingiusto un licenziamento non per aver arrecato danno all'azienda ma per un epiteto usato.

    nonostante non possa fare altro che scriverti ti mando un abbraccio.

    sempre in gamba nonostante le traversie!

    Xunder

    RispondiElimina
  6. Grazie Xunder, non riguarda me, ma mia sorella, quindi mi vede coinvolta molto da vicino.
    Camera del lavoro e forse causa civile. Vedremo.

    RispondiElimina
  7. utente anonimo2 marzo 2009 15:49

    Grazie a tutti per i vostri commenti.Mi danno coraggio per andare avanti e denuciare le persone che mi hanno umiliata.Ce la metterò tutta,non per vendetta ma per un mio diritto.
    Grazie di cuore a Pitumpi,è una persona meravigliosa e grazie a dio è mia sorella!
    Benny

    RispondiElimina
  8. l'argomento è veramente serio
    per fortuna non so che cos'è il mobbing, nel senso che forse non lo mai subito e se così fosse stato non è stato fortunatamente tanto grave... ma purtroppo ho visto mio padre tornare dal lavoro molte volte arrabbiato, perchè aveva litigato col suo capo e una volta addirittura aveva il naso rotto... vi abbraccio

    RispondiElimina
  9. Una schifezza sia in amore che al lavoro. Il massimo direi :-)

    A Te spero vada meglio

    RispondiElimina
  10. Capellieparola: ma poveraccio tuo papà! Non ho parole.

    Struzzo: mo ti dico.

    RispondiElimina
  11. C'è anche di peggio.
    Le morti bianche.
    Il nostro paese gode dell' invidiabile primato delle vittime sul lavoro in Europa.
    Di tanto in tanto, quando accade qualche evento di eccezionale gravità, i media bombardano con le notizie ed il governo approva delle inutili norme tampone.
    Poi tutto torna come prima: indifferenza e silenzio.
    Eppure oltre mille sono i morti in un anno e quasi un milione gli incidenti sul lavoro!
    Provo vergogna!

    RispondiElimina
  12. Un mondo canino. Un sistema che è un lager per l'anima. La piccola foto della sculacciata, poi, mi scatena quasi un conato di vomito.

    RispondiElimina
  13. Ciao Pitunpi
    leggevo Benny e pensavo che parlassi di te in terza persona.
    Sono contento di sapere che tua sorella ha un tipo tosto che la sorregge in questi momenti.

    Ciao

    Xunder

    RispondiElimina
  14. Nella "sfortuna", l'averti per sorella è senz'altro la fortuna più bella :)

    Buon pomeriggio Pitunpi :)

    RispondiElimina
  15. Avere il coraggio di denunciare è importante come importante è l'appoggio morale,perchè il cammino sarà duro!!

    Non mollate!!!

    RispondiElimina
  16. Ma io c'ho dei commentatori formidabili!

    RispondiElimina
  17. Bruttissima bestia il mobbing...un modo subdolo di portare le persone all'esasperazione....che brutta cosa, davvero rabbrividisco...e mi spaice molto per tua sorella...comunque se ha reagito, è una grande!!!!!!
    Kiss

    RispondiElimina
  18. perchè non sono mai passata di qua? mah....

    RispondiElimina
  19. ahhhh pensa che sfortuna quando il mio capo sono io stessa. Non ho neanche il piacere di licenziarmi.

    RispondiElimina
  20. Mio Dio..sono davvero una donna fortunata!!
    L.A.

    RispondiElimina
  21. I casi di mobbing nei posti di lavoro sono sempre più frequenti, ma non c'è la necessaria attenzione, nemmeno da parte dei mass media. Occorrerebbero anche strumenti legislativi più incisivi di quelli oggi disponibili.
    Ciao

    RispondiElimina
  22. per quel poco che puó valere ti sono vicina. Sará dura, e vi auguro di trovare sempre la forza di andare avanti perché chi ha calpestato i diritti di Benny ne paghi le conseguenze.
    un bacio
    Michela

    RispondiElimina
  23. Care bocca storta e palla di lardo e tu capo del personale e direttore dei miei stivali, ora saprete che si guida male cone le braccia rotte, spezzate, e visto che ci siamo, perchè non insegnarvi a usare le stampelle? Non basta rigare le automobili o bucare le gomme, o ricoprire di merda di cane la parte interna (e non visibile) delle maniglie della loro auto: occorre qualcosa che li tocchi direttamente ma che si ricordino.Tre mesi di cure possono essere un buon inizio. A mio figlio gli hanno detto, per ora, testa di cazzo!

    RispondiElimina