mercoledì 18 febbraio 2009

E bravi

Dài. Sarete soddisfatti.


 


Si è dimesso Veltroni, il pirla, il ciarlatano, l’imbecille, il buonista.




 


E, se passate di qui, vi conviene ALMENO essere soddisfatti. Perché io, invece, sono incazzata nera.


Coro di chi se ne frega.


 


Bella gente: guardate che il paese sta andando male. Ma male. Ma ancora più male. E non possiamo addebitarlo a Veltroni.


Non è colpa di Veltroni se dall’altra parte c’è un lupo mannaro con tanto di canini acuminati ed uno stuolo di cervelli del marketing (vedasi: teste di cazzo) che gli suggeriscono finanche come sedersi sul water, non si sa mai che lo riprendano, e che gli mettono in bocca le frasi da dire per rimediare alle innumerevoli gaffes.


Davanti a tutta questa spazzatura, roba che una discarica al confronto sembra linda e pinta, l’alternativa per molti sarebbe una politica urlata, trash, così ci abbassiamo al livello di certuni. Ed invece Veltroni ha continuato ad essere una persona a modo.


 


Non dico che sia il politico dei politici, dico solo che gli altri stanno sfondando soprattutto grazie al fatto che loro sono compatti ed agguerriti e noi manco un po’. L’unione fa la forza, sissignore.


E tutto perché Veltroni non urla.


 


Continuiamo giorno dopo giorno a buttarci del pattume addosso, scriviamo, me compresa, fior di post sui blog, ma poi non funziona e non sappiamo perché. Non funziona perché gli altri osannano i loro, noi li affossiamo.


 


Vedasi Di Pietro: stessa cosa. Ma mi dite perché? È uno dei pochi che dice pane al pane, ma uniamoci a lui, porca vacca, non importa di dov’è e che cosa rappresenta, dobbiamo scalzare la brutta gente che c’è adesso, questo conta.


 


Ma che, volete continuare a vivere nella menzogna e nella pseudo informazione come finora? Ma voi lo sapete che tutto questo cianciare sull’uccello dei rom è solo una campagna denigratoria contro di loro? I rom che stuprano (e che meritano l’ergastolo, secondo me, sia chiaro) sono solo un misero 1% e poi e poi. Sapete chi sono, in Italia, gli stupratori per eccellenza? Gli italiani, of course. Estranei? Ma no, ma no. Mariti, fidanzati, compagni, amici.


Perché non  vengono sbattuti in prima pagina se non raramente? Ma perché non fanno notizia. Uno. Due, perché raramente vengono denunciati e questo grazie alla cultura maschilista che ci ottenebra i cervelli già atrofizzati.


 


Le stesse forze dell’ordine spesso, se denunci di essere stata stuprata dal marito, ti danno una pacca sulla schiena e ti chiedono di tornare a casa a far la pace.


 


Ho appena litigato con un cliente cazzone che stava confabulando col mio collega, ridendo delle dimissioni di Veltroni. L’ho sbiancato. Perchè finchè parlano tra loro si sentono invincibili, ma se si contrappongono a qualcuno che ne sa, crollano come i giganti di cartapesta che sono.


 


Gente, non c’illudiamo. Noi italiani ERAVAMO un popolo ingegnoso, col cuore in mano, eccellenti amatori, che si distingueva. Oggi siamo un popolo del quale TUTTI ridono. Prendiamone atto con umiltà visto che ce lo vogliamo con  tutte le nostre forze.


 


 




Noi siamo quelli che crediamo alla storia della riforma scolastica, fingendo di non sapere che è un ennesimo taglio alla già cavernicola scuola, travestito da riforma. Ora ci stiamo bevendo la barzelletta delle ronde cittadine. Roba da far west! Io già me l’immagino gl’invasati a zonzo per le città nottetempo. Tutto per non dire che sono stati ulteriormente tagliati i fondi alla polizia. Ci sono uomini e volanti non utilizzate, lo sapete?? Macchine non in regola perché non ci sono soldi  per fare la revisione, con le gomme fruste, senz’olio, senza benzina.


 


Ditemi che siete soddisfatti adesso.

20 commenti:

  1. Stiamo andando sempre più giù...che brutto :-(
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Invidio la grinta che hai messa nel tuo intervento.
    Condivido il tuo pensiero e la tua analisi.
    Anche se io vado oltre.
    La mia è condanna per tutto il mondo della politica italiana.
    Non abbiamo bravi amministratori e tanto meno bravi oppositori.
    Se qualcuno esce dagli schemi o meglio dal teatrino fa irremediabilmente la fine di Veltroni.
    Fanc*** tutti!

    RispondiElimina
  3. Sono con te, ma non so cosa fare, come reagire..tu cosa proponi? :0
    ^Å^

    RispondiElimina
  4. Angel: non buttarci della m... addosso almeno.

    RispondiElimina
  5. Ciao Pitunpi
    adesso affidare la sinistra a Di Pietro mi pare un suicidio.

    Tonino ha fatto dell'onestà la sua unica cifra politica, purtroppo sconfessata dai fatti campani e molisani. Non ci serve Di Pietro ma un buon leader pragmatico del PD, per il bene dell'Italia ed anche del PDL.

    Xunder

    RispondiElimina
  6. ti lascio i miei saluti, e
    un augurio per il tuo compleanno che è alle porte :-)

    RispondiElimina
  7. Dopo un approfondito studio su quali fiori inviarti per il tuo compleanno ho deciso di inviarli tutti:
    una rosa

    la mimosa

    i fiori delle mie montagne

    RispondiElimina
  8. Con me sfondi una porta aperta con queste parole anche se Walter onestamente non mi ha mai convinto... a volte ha fatto degli errori (tattici s'intende) che mi è venuto da chiedermi se non vivesse sulla luna
    E poi il "ma anche" alla lunga non paga... come fai a tenere insieme in un partito Pannella e la Binetti?? Manco Silvan ci riuscirebbe.. o uno o l'altro e questo gli elettori l'hanno capito

    E basta inciuci e spirito dialogante con questa destra che appena la critichi ti accusa di complicità con Pol Pot

    NO NO e NO!!!

    RispondiElimina
  9. Grzie di cuore per gli uguri ed i fiori per il mio compleanno! Liberi di non crederci,ma sono commossa.

    Per gli altri: avete ragione. Non esistono politici correttissimi in Italia. Ma affidarci ai più delinquenti mi sembra eccessivo.

    Fildiferrro: ci tenevo a visitarti ma non riesco ad aprire i tuoi post...

    RispondiElimina
  10. Siamo sempre più scivolando nel ridicolo...
    Quello che mi da fastidio è essere presi per il culo dai tirapiedi del nanetto e dal nanetto stesso...

    ah dimenticavo:

    AUGURIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    RispondiElimina
  11. Posso unirmi all'incazzatura? Veltroni non lo toccherei, ha sbagliato molto anche lui e anzi, lo tocco: sono incazzata anche con lui. Stiamo diventando un paese dove esisteranno solo poveri poveri e ricchi ricchi... indovina chi sono?

    RispondiElimina
  12. Grazie Struzzo!

    Kappa: secondo me, bisogna stare uniti.

    RispondiElimina
  13. mizzegaaaaaaa è il tuo compleanno oggi.....AUGURISSIMI!!!!!!! Ma la torta dove la veniamo a mangiare????hihihihihihihihihihihi
    Un abbraccio sincero.....
    P.S. x il discorso politica, mancano persone con gli attributi....in ogni schieramento...ma visto che la speranza è l'ultima a morire, speriamo nell'arrivo, nella comparsa di qualcuno/a...

    RispondiElimina
  14. Di Pietro da come si pone certe volte sarà quel che sarà... ma è l'unico *purtroppo* ad avere ancora i cosiddetti.

    PS:



    purtroppo non sono riuscito a trovare di meglio come spogliarellista XD spero apprezzi comunque. AUGURI!

    RispondiElimina
  15. oops ... mi associo agli auguri!
    :)
    Rumi

    RispondiElimina
  16. Sono d'accordo su tutto, tranne sul fatto che gli Italians fossero un tempo gente buona e col cuore in mano. Ci sono anche molte brave persone come no, ma diciamo che ci piace dipingerci come simpatici e buoni, quando siamo un popolo violento, che ha inventato e mantiene tre tipi diversi di criminalità organizzata su scala inimmaginabile altrove, siamo un popolo conservatore e xenofobo, a regime patriarcale, che odia le donne e le sfrutta, e oltretutto abbastanza ignorante, disprezzatore della natura e dell'arte, a scapito di un patrimonio stupendo e ineguagliabile.
    Paola

    RispondiElimina
  17. Paola, sei stata più coraggiosa di me nel dipingerci.

    RispondiElimina