domenica 25 gennaio 2009

STALKING


Da Wikipedia



Stalking è un termine inglese (letteralmente: perseguitare) che indica una serie di atteggiamenti tenuti da un individuo che affligge un'altra persona, spesso di sesso opposto, perseguitandola ed ingenerando stati di ansia e paura, che possono arrivare a comprometterne il normale svolgimento della quotidianità.


La persecuzione avviene solitamente mediante reiterati tentativi di comunicazione verbale e scritta, appostamenti ed intrusioni nella vita privata.


Lo stalker può essere un estraneo, ma il più delle volte è un conoscente, un collega, o un ex-partner, che agisce spinto dal desiderio di recuperare il precedente rapporto o per vendicarsi di qualche torto subito.


Il termine inglese “stalking”, suggerito dalla letteratura scientifica specializzata in tema di molestie assillanti, intende un insieme di comportamenti molesti e continui, costituiti da ininterrotti appostamenti nei pressi del domicilio o degli ambienti comunemente frequentati dalla vittima, ulteriormente reiterati da intrusioni nella sua vita privata alla ricerca di un contatto personale per mezzo di pedinamenti, telefonate oscene o indesiderate.


Intende, inoltre, l’invio di lettere, biglietti, e-mail, sms, oggetti non richiesti; oppure producendo scritte sui muri o atti vandalici con il danneggiamento di beni, in modo persistente e ossessivo, in un crescendo culminante in minacce, scritte e verbali, degenerando talvolta in aggressioni fisiche con il ferimento o, addirittura, l’uccisione della vittima. Tutto ciò, o parte di esso se compiuto in modo persistente e tenace in modo da indurre anche solo paura e malessere psicologico o fisico nella vittima, è stalking, e chi lo attua è uno stalker. Ovvero, un soggetto che commette un atto criminale, in taluno Paese straniero punito dalla legge. Esso si differenzia dalla semplice molestia per la frequenza e la durata della variegata congerie comportamentale.




 


Non m'interessa un coro di ooooh e di frasi di circostanza, ma sapere se ne siete al corrente, se vi siete mai trovati diretta o indirettamente   coinvolti in una situazione simile e cosa avete fatto.



 

14 commenti:

  1. Mi pare di non essere mai stato vittima, per fortuna: ma per evitare il contrario e divenire uno stalker evito di insistere se mi rendo conto che non c'è comunicazione. Perchè porto questo esempio? Per eseperienza recentissima.Da tempo ho invece la fobia di essere frainteso nei comportamenti: le regole sono sempre quelle , cioè mani bene in vista, mai stare da soli con qualcuno, mai fare avances o complimenti espliciti, cioè evitare tutto ciò che possa risultare controproducente o sia passibile di reato.Siccome ci sono persone che giocano, con i sentimenti o anche solo per divertimento, meglio evitare. Si sta bene anche da soli. Ho esteso il ragionamento però di recente è capitato un caso di stalking tra coniugi, in cui lui perseguitava la propria compagna.

    RispondiElimina
  2. Sbagliatissimo. Lo stalking ha delle modalità ben precise e lo stalker non è quasi mai una persona conosciuta casualmente. Di solito, hai detto bene, è l'ex partner. Restare da soli per evitare di essere tacciati come molestatori... suvvia!

    RispondiElimina
  3. A volte c'è psicosi, per cui meglio evitare.

    RispondiElimina
  4. Ciao Pitunpi non ho mai avuto conoscenza diretta di questo fenomeno. Mi fa piacere che se ne parli e che se parli sempre più. Ricordo come quel delinquente di Delfino ha massacrato la propria ex. Raccapricciante.

    RispondiElimina
  5. su www.titolidicoda.org abbiamo trattato questo tema, dacci un'occhiata se ti va! ciaooo!

    RispondiElimina
  6. www.crimelist.it Guarda un pò di che si parla!!! A presto

    RispondiElimina
  7. Non sono stato mai ne vittima ne carnefice (non sono il tipo) in tal senso ma più o meno sapevo tutto ciò :-)

    oooohhhhhhhhhhh (ora lo posso fare ahahah)

    Buona giornata

    RispondiElimina
  8. Non mi è mai capitato nulla di questo genere e spero non mi succeda mai...
    Ciao.

    RispondiElimina
  9. Sono venuto a conoscenza di questo termine visionando il Film "Tutti pazzi per Mary" nella versione in lingua originale, nella quale questo termine veniva abbondantemente usato. Brutta cosa per chi ne è vittima e difficile da gestire immagino,ciao.
    ^Å^

    RispondiElimina
  10. Conosco lo stalking ma nn per esperienza vissuta :)

    Buon pomeriggio :)

    RispondiElimina
  11. Anch'io avevo trattato questo argomento, e per fortuna ora c'è chi si adopera nel promuovere convegni etc. su questo tema.
    Da Max Frassi puoi leggere anche testimonianze di donne che sono uscite fuori da questo tunnel dell'orrore

    RispondiElimina
  12. Ciao! Passo oggi di qui per la prima volta, e che fortuna, posso lasciarti una testimonianza! Ti posso dire che ho "rischiato" lo stalking: classico scenario, ex fidanzato con paranoie che mi assillava di telefonate, domande su come mai non lo volessi più vedere (!) e che aveva iniziato anche a seguirmi. La minaccia di andare dai carabinieri non ha avuto molto effetto, una mail con la promessa di prendere degli schiaffi da parte del nuovo uomo invece è stata un ottimo deterrente. Ma penso solo perchè sotto sotto era un vigliaccone. Si è risolto tutto in capo a una settimana e fortunatamente, da quel giorno non mi saluta nemmeno più ;)
    continuo la lettura del tuo interessante blog, buona giornata!

    RispondiElimina