martedì 27 gennaio 2009

LE CAPRETTE TI FANNO CIAO


Modifico il post con un link assolutamente importante, tutto da leggere. Se ciò che minacciano si avvera, noi blogger siamo fritti.


E' da qualche mese, come ben saprete, nove per l'esattezza, che ogni tot a qualcuno parte l'embolo della censura su internet.


Per forza: è l'unico canale libero, democratico. E dà fastidio.


Leggete, leggete.


http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/tecnologia/p2p/bozza-governo/bozza-governo.html?ref=hpspr1


E poi leggete ancora il mio post. Voglio sperare di non essere tutti ridotti cosi come lo descrivo a seguire se no, non solo ci metteranno un bel bavaglio, ma saremo addirittura noi a legarcercelo sulla nuca....


REMAKE VI




Un popolo si riconosce da come guida. Fateci caso e ditemi se non siamo delle capre.


Nelle terribili colonne che si formano all'ora di punta mentre tutti, quelli belli e quelli brutti, siamo imbottigliati e procediamo a passo di lumaca, guadagnando tre centimetri al minuto maledicendo in aramaico il giorno in cui siamo nati ogni volta che lo sguardo ci cade sull'orologio del cruscotto (io ho rimediato appiccicandoci un adesivo sopra), perchè siamo irrimediabilmente in ritardo, succede che il tuo predecessore, alla luce verde del semaforo, quando finalmente si vede in lontananza la fine di una delle tappe dell'incubo, cosa fa? frena! L'idiota, frena! Ci passa sotto circospetto, aspettandosi che il marrano gli giochi un brutto tiro e volga al rosso in un attimo, magari emettendo una risata sinistra.


E poi ci sono quelli che col giallo pieno, dove non c'è manco l'odore di un scatto fotografico traditore, si fermano ed aspettano il verde che, quando entra in funzione, non li lascia comunque convinti. Infatti prendono tempo, innescano diverse volte la prima e partono piano piano, le pupille incollate sul nemico.


Ma che c'hanno fatto? Ormai siamo talmente abituati al brutto che quando capita una banalissima cosa positiva, come il verde al semaforo, stentiamo a crederci.


Vuoi che a me, proprio a me, capiti una simile fortuna? Dov'è la fregatura?


7 commenti:

  1. ciao pitunpi segnalo un pezzo inquietante su nuove ipotesi di webcensure in italia stef

    RispondiElimina
  2. Secondo me questa storia della censura è una palla che ogni tanto ripropongono, ma inattuabile. E' come la legge che vieta di scaricare e tutti scaricano da eMule.

    RispondiElimina
  3. Le stanno studiando tutte, non ci restano che i server stranieri ;-//

    RispondiElimina
  4. Non conoscevo quella proposta di legge. Grazie per avermela fatta conoscere. Se venisse approvata sarebbe un fatto molto grave.
    Ciao

    RispondiElimina
  5. Stiamo sulla strada della Bulgaria...

    Un salutone super

    RispondiElimina
  6. Appoggio quanto da te esposto ed aggiungo quel famoso "carico".
    Ci sono paesi chiamati del Terzo Mondo nei quali il loro popolo nn permetterebbe mai ad un qualunque uomo di porre dei limiti alla libertà di opinione. Questi sono gli uomini di domani.
    Ci sono altri paesi che nn rientrano in questa classifica, paesi moderni, tecnologicamente avanzati...paesi nei quali il suo Popolo crede che "crescere ed evolversi" nn necessiti di coraggio.
    Nn a caso l'Italia è al 44esimo posto nella classifica dei Reporters sans Frontières.
    Questo dice tutto.


    Buona giornata :)

    RispondiElimina
  7. prima rispondo sul post poi sulla censura

    ragazzi, ma al semaforo non si deve mettere in folle; restare col piede sulla frizione e lasciare innestata la prima marcia - questa è la regola del buon guidatore

    io credo siano stolti e dementi - guardandomi un videoclip su youtube posso avere l'idea di andare a un concerto della band o del musicista "piratato" - vedendo un pezzo di film, su youtube, posso avere l'idea di andarmelo a nolleggiare, o di seguire l'uscita del prossimo film dell'attore o del regista lì "piratato"

    in altre parole youtube è una grandissima opportunità promozionale... se non capiscono questo, SI FOTTANO

    RispondiElimina