domenica 5 ottobre 2008

Randagio a chi?

Io vi odio.


Odio quei comuni inutili che, oltre a perpetrare tutte le bassezze che ogni comune italiano che si rispetti perpetra, non si occupa degli animali.


Soprattutto dei cani randagi. poi, quando capita la disgrazia, com'è accaduta oggi a quel bimbo di 9 anni, presumibilmente sbranato dai cani, quegli inetti ded tg non fanno altro che spacciare i cani come dei serial killer.images


I cani sono animali, siamo noi che dobbiamo educarli, gestirli!! se i cani azzannano una persona, non possiamo prendercela con loro, ma col padrone, se ce l'hanno, o con il comune, se sono dei vagabondi.


Inutile gridare al mostro! Io stessa ho visto interi branchi di randagi in Sicilia e Puglia, malnutriti, malati, sporchi. Un cane così, al pari di uno che viene allevato a botte e violenza, è un potenziale pericolo per i passanti. Ma, ripeto, loro seguono solo la loro natura di animali, siamo noi a dovercene occupare ed a far sì che nessun cane debba MAI trovarsi in situazioni del genere o di essere maltrattato.


COMUNI D'ITALIA: se chi vi sta a capo non capisce un'acca di animali e non ha amore per cani, gatti, ecc. chiedete a gran voce che ci sia una minchia di assessore che possa nutrire un minimo d'interesse per queste tematiche e che abbia un briciolo di pietà per questi cosiddetti randagi.images1


Nell'interesse di tutti.


 

Nessun commento:

Posta un commento