sabato 27 settembre 2008

Donne tu tu tu in cerca di guai

La solita esagerazione. E' finita l'epoca in cui una donna, in quanto tale, qualunque cosa facesse non veniva presa in considerazione.


Era solo adibita a fare la mamma, la casalinga, la moglie, tutt'al più la segretaria occhialuta o la prof. Nient'altro. Adesso invece tutte fanno tutto, anche il muratore (muratrici?) piuttosto che il pilota (non in Alitalia mi sa ormai...).


Cos'è successo. E' successo che basta vedere una donna fare qualunque cretinata che, oplà! controtendenza, è un genio. Non so perchè non si possa mai mantenere un centro e comunque, questa, images2è discriminazione al contrario.


Una PERSONA va valutata e giudicata per i suoi contenuti, non perchè è donna, uomo, ebrea, cattolica, bianca o nera. Non basta essere femmine e fare le ministre per essere giudicate in gamba.


Guarda quella! Fa l'assessore, c'ha due palle! Non so se c'ha due palle, non vuol dire. Al pari di un suo collega uomo, io la valuterò per quello che sarà in grado di mettere in atto, di trasmettere. Non mi basta che sia arrivata, deve dimostrare ciò che sa fare.images1


Solo quando la società capirà questo, saremo veramente alla pari.


 

domenica 21 settembre 2008

Veline...

Ma perchè ci vogliono prendere in giro a tutti i costi?e


Mo'... passi per la visione (che uno sceglie) di un programma degradante per qualsiasi donna ed esaltante per qualsiasi uomo, specie se non più giovane e con ormai una  moglie che fisicamente non fa più sognare, passi per i genitori, soprattutto i papà, che vanno in brodo di giuggiole ogni qualvolta la figliola dal palco mostra la patata ed il culo, passi per la presentazione di Greggio che, a tutt'oggi, non so come si possa definire "bravo" e che è ancora fermo all'asta tosta, passi per il "centro servizi" nella veste di una scosciata e scollata straniera che ha come unico compito quello di mostrare (anche lei!) le grazie e porgere gli oggetti. p


Passi tutto. Quello che proprio non mi va giù è che, ripeto, ci vogliano prendere per i fondelli. Sono ormai mesi che la mora che ha poi vinto, appare sui rotocalchi come nuova fiamma del romanaccio del GF scorso e ce la propinano in tutte le salse. La sorte della bionda non è altrettanto "visibile", ma deve'essere paraculata anch'essa giacchè è stata abbinata alla sua compagna. La morettina, tra l'altro, è anche una pessima attrice e non ha mostrato, in effetti, nessuna sorpresa per il titolo raggiunto.w


Insomma, le altre decine di concorrenti sono andate lì col culo al vento per niente.


E' proprio vero quando si dice che in TV... non c'è nulla di vero.

martedì 16 settembre 2008

NUN ME FATE 'NCAZZA'

mangiamo i soldiNon so voi, ma io sono ultra - super- mega - arci STUFA del sondaggi, delle previsioni, delle statistiche.


Soprattutto ce l'ho con l'ISTAT e le sue forchette... sono anni che ci pigliano per il culo, contando allegramente sul fatto che gli italiani sono ignoranti ed hanno la memoria corta, con la storiella dell'inflazione al DUE PER CENTO.


Ora io dico: c'è qualcuno che può dire con onestà che le cose aumentino del DUE PER CENTO? Del DUE PER CENTO AL GIORNO, vorrete dire!


In questi ultimi anni  l'inflazione ha toccato punte vertiginose. Io non sono in grado di valutare di preciso in quale percentuale, caro Signor Istat, ma posso garantirle che ci avviciniamo di parecchio al CENTO PER CENTO se andiamo indietro di una decina d'annetti. Dopotutto non parlo di cuinquant'anni, otto/dieci al massimo.


Certo, Signor Istat, non è colpa sua, lei deve giocare con la forchetta, nella quale mette il rincaro della Panda ed il rincaro del pane, però un pò di onestà, visto che alla fine anche lei caccerà fuori i soldi in proporzione agli aumenti, ecco, quella la gradirei.


Si rivolti al sistema e dica le cose come stanno, Signor Istat.


Una parolina anche alle ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI: vi stimavo, da piccola. Da quando ho cominciato a capire le cose, ho compreso che servite a ben poco.images2


Un esempio, Sig. Associazione dei Consumatori? I prezzi esorbitanti dei libri scolastici... TUTTI-I-SANTISSIMI-ANNI. Possibile??


Se lei, Signor Associazione dei Consumatori, andasse in un negozio tutti gli anni ed il negoziante tutti gli anni la turlupina, lei, dica la verità, non si sentirebbe preso in giro? E se il suo avvocato, dopo aver sbraitato che gliela farete pagare, in realtà poi non conclude niente, lei, Signor Assoziazione dei Consumatori, non pensa che al danno si è aggiunta la beffa?caro libri


Non è il caso di vergognarsi un pochino?


 


 

domenica 7 settembre 2008

La mela marcia


images1


Fateci caso.


In qualunque ambito, se ci sono cinquanta persone che, per comodità, chiameremo normali ed una sola persona che, sempre per comodità, chiameremo mela marcia, è più facile che marciscano tutti e non che quella bacata possa rigenerarsi.


Per anni ho creduto e, sinceramente vorrei crederci ancora, che il bene trionfa sul male, ma ormai, da adulta, sto cominciando a rivedere questa convinzione.


Esempi ne potrei fare a iosa, ma mi limito ad esporvi l'ultimo: ho una collega che ha fatto un master di leccaculismo e, cosa peggiore, è una nemica per tutti noi. Ormai l'abbiamo capito e proprio per questo centelliniamo le conversazioni al minimo proprio per non darle informazioni che lei sicuramente riporta "ai piani alti".


Ma anche così non abbiamo nessuna garanzia. Infatti, in mancanza di fatti, lei s'inventa le cose, ti mette in cattiva luce con chiunque, ti dipinge in maniera negativa con chiunque. E lo fa con chiunque. Questo vuol dire che, non ha risparmiato nessuno e, dopo un pò, da controlli incrociati, ci siamo tutti resi conto da dove provenivano diffamazioni e maldicenze.


L'effetto di anni di zizzania ha prodotto altra zizzania ed un clima di diffidenza ed ipocrisia tra quasi tutti. Eccoci serviti. Ne è bastata una ed il danno è fatto.


Adesso questa persona è stata declassata e noi tutti sappiamo che giustizia è fatta, anche se i più ipocriti, quelli, ci giurerei, che la odiano di più, dicono "poverina...".


La poverina è stata rimessa al suo posto, non ha più nessun potere su di noi, e sa che basterebbe un suo passo falso per essere licenziata.


La tristezza è che tutto questo non è avvenuto per il lato umano della vicenda, ma per soldi. Ha sbagliato delle transazioni amministrative.


In questo caso il bene ha trionfato sul male?


images

lunedì 1 settembre 2008

Buon Anno!

Ho sempre pensato che il vero Capodanno non sia a cavallo tra il 31 dicembre ed il 1° gennaio, ma tra il 31 agosto ed il 1° settembre.


images


E' infatti in questa data, dopo che la maggior parte delle persone è rientrata dalle ferie, che si fanno i bilanci dell'anno appena trascorso. Anche chi ha goduto della pausa estiva in maggio o giugno o chi ancora deve staccare per un pò, sente nell'aria questa anticipazione, questa voglia di ricominciare ma anche di fare bilanci e di chiederci cosa siamo riusciti ad ottenere dalla fine della scorsa estate in ambito personale, professionale, economico.


Ci domandiamo se la nostra vita è migliorata o peggiorata negli ultimi dodici mesi e facciamo buoni propositi che chissà mai se metteremo in atto.


Il primo settembre arriva così, in sordina, senza fuochi d'artrificio, veglioni e cotillon, niente zampone e lenticchie, ma la voglia di rinnovarsi è forte perchè parte da dentro e non ha bisogno di festeggiamenti e spumante.


L'anno sembra passato in un lampo ed invece, se solo ci soffermiamo un attimo a pensarci e passiamo in rassegna tutti gli avvenimenti che ci hanno coinvolto, ci rendiamo conto che per superare tutte le avversità vissute ci sono voluti giorni, settimane, mesi. Che la felicità che in certi momenti abbiamo provato è scaturita da importanti accadimenti che ci hanno tenuto svegli la notte, più notti. Che i periodi di incertezza ci hanno logorati per un tempo che sembrava non passare mai. E che le decisioni importanti che abbiamo preso hanno condizionato in modo irreversibile la nostra vita, è quello che oggi siamo e la somma di altre decisioni prese in passato che forgeranno i noi stessi di domani.


Come per tutti i Capodanno che si rispettino, voglio fare un augurio a tutti: cercare di essere più umani, di non vedere nell'altro, fino a prova contraria, un nemico, di approfondire la conoscenza delle persone e non liquidarle con giudizi sommari, di metterci nei loro panni prima di bollarli.


Buon anno a tutti!     images1