venerdì 8 agosto 2008

Le vacanze... sob!

Sono arrivate le tanto sospirate vacanze per gli italiani ed i TG si affannano a far vedere le interminabili code sulle autostrade...


Non me lo spiego perchè, essendo una pendolare, non ho visto nessun cambiamento nel traffico quotidiano e, parlando con amici e parenti, sono molte le persone che quest'anno più che mai hanno rinunciato alle vacanze o le hanno sensibilmente accorciate o fanno delle "puntatine" al mare di domenica. Ovvio, cari TG, che le code si formino durante il primo e secondo week end d'agosto, un minimo di afluenza in più verso le località turistiche c'è, è innegabile, e poi, geni incompresi, che ci vuole ad intasare, che so, lo snodo di Bologna? Bastano dieci auto in più. Abbiamo delle strade che sono state progettate quando l'auto l'aveva una famiglia sì ed una no.


La verità, che nessuno vuole ammettere per non fare un torto al governo di turno, è che non gliela si fa più. E' già difficile arrivare a fine mese, figuriamoci se si hanno soldi da spendere per le vacanze. Ormai tutti i diritti acquisiti ci sono stati tolti: un lavoro stabile, una pensione certa, lo svago più banale è diventato un lusso e non parte integrante della vita degli esseri umani.


Qui non parliamo di crogiolarci su panfili da 150 m., ma di andare al mare, in montagna, magari in appartamento o in una pensioncina senza pretese a rilassarci un pò. Non ci riusciamo più, ci hanno tolto anche quello.images


Io stessa quest'anno avrei voluto andare in Grecia... manco per il tugurio più squallido ci sono prezzi accettabili e comunque anche il prezzo più accettabile è fuori portata delle mie tasche. Abbiamo ripiegato sulla Puglia, altrettanto bella, risparmiando se non altro il volo.... ma si sa quanto costa la benzina.... Comunque, io sono tra i fortunati che riusciranno a cambiare scenario per una settimana, molti altri non potranno dire la stessa cosa.


A parte le solite polemiche sui governi italiani e sorvolando, per il momento, sulla stangata che ci aspetta a settembre con la finanziaria iniqua che già ci stanno anticipando, sdoganandola come rivoluzionaria e mitigandola con l'immagine dell'esercito che passeggia per le strade delle città, la colpa è anche dei gestori di alberghi, dei lidi, dei tour operator, delle compagnie aeree. Non fanno niente per contenere VERAMENTE i costi ed anche adesso, dopo la disfatta e le perdite con le quali stanno già facendo i conti (e piangendo), tutti i last minute reclamizzati sono TROPPO CARI!


Gli italiani, popolo camaleontico e con una capacità di adattamento soprendente, daranno sfoggio dell'arte di arrangiarsi. E non sarà difficile credere che in qualche casa ci sia qualcuno con i piedi in una tinozza piena d'acqua, bibita in mano, occhiale da sole e poster con sabbia bianca e palme alle spalle.


A PRESTO!


 images2


 

Nessun commento:

Posta un commento